martedì 16 febbraio 2021

MOSTRA PERSONALE EMILIO MORANDI

   EMILIO MORANDI  IN MOSTRA


EMILIO MORANDI

Emilio Morandi nasce come pittore, ma non trascorre molto tempo prima che

diventi anche creatore di installazioni e performer, o meglio, artista totale,

considerando che le differenti discipline si fondono in lui come un unicum artistico, i

suoi riconoscimenti si contano in tutto il mondo, e questa volta approda a Grenoble

presso lo studio di Marc Pessin, con cui a distanza ha collaborato e del quale ha

curato una mostra nella bergamasca, presso il suo personale Artestudio.

Nei suoi lavori, l’uomo, con le proprie paure e frustrazioni, è al centro di ogni

riflessione, in particolar modo l'artista è influenzato dal maestro Francis Bacon, da

cui trae gli insegnamenti sul modo di fare arte che lo guidano da più di 40 anni.

Nel corso degli anni i movimenti attraversati sono numerosissimi, l’arte Fluxus, la

Mail Art, il Neoismo, la Visual Poetry, le collaborazioni con il VEC di Maastricht e

con Lucrezia Domizio Durini, le partecipazioni alla Biennale di Venezia, l'ideazione

del Festival Performas en el Centro di Madrid, ed esposizioni in ogni continente; in

particolare si possono ritrovare nei suoi lavori progetti legati ai più grandi filoni

artistici riconosciuti a livello internazionale ed ufficiale, già racchiusi nei libri, ma

anche concetti artistici sperimentali e più sottili come quello da lui avviato di Art Life

che: consiste nel fondere l’espressione visiva con il suono, oggetti quotidiani,

l’azione ed il comportamento in una fusione degli strumenti dell’arte ed usarli in

modo sublime in campo estetico, morale, spirituale. Senza dimenticare il ruolo

dell’artista, del poeta e la possibilità di comunicare le ansie e le speranze,

condensando l’arte con la vita e la vita con l’arte.

In effetti già Robert Henri a inizio secolo diceva che L’arte non si può separare dalla

vita poiché è l’espressione della più grande necessità della quale la vita è capace.

Ed inoltre, è proprio tramite l’arte che la vita è possibile, in quanto La differenza tra

l’arte e la vita è che l’arte è più sopportabile, diceva Bukowski.

Emilio Morandi sicuramente esprime al meglio le proprie riflessioni attraverso le

performance, ancora una volta modalità di espressione artistica fortemente legata

alla vita, in queste occasioni è spesso. o quasi sempre, accanto alla moglie Franca

Monzani, compagna del suo percorso e grandissima sostenitrice della sua visione

artistica.

Le sue prime performance consistevano nel liberare dai chiodi le tele e i telai

sanguinanti curandoli con garze di cotone come metafora dell’uomo e della sua

liberazione, creando un rapporto dialettico con il proprio corpo e l’oggetto artistico.

Non esiste alcun limite al fenomeno performance in relazione allo spazio, al tempo,

alla forma ed al suono, in quanto la vita non ha limiti, è necessaria la libertà

assoluta e più la performance risulta essere libera ed attaccata alla vita, nella sua

crudezza, più essa arriva a toccare il cuore dello spettatore e dimostra la sua

efficacia rivolta a smuovere sentimenti e portare alla riflessione.

Asia Rota
















lunedì 15 febbraio 2021

NEMMENO CON UN FIORE













                      NEMMENO CON UN FIORE   

             VENERDI' 5 FEBBRAIO 2021






sabato 13 febbraio 2021

40 ANNI DI ATTIVITA' DI ARTESTUDIO MORANDI

FESTA DEI QUARANTANNI
ARTESTUDIO MORANDI



5 FEBBRAIO 2021
1980 - 2020






















venerdì 14 agosto 2020